Saturday, August 19 2017
A- A+

ULTIME NOVITA'

  

Febbraio 2014 RUSSIA, BIELORUSSIA, KAZAKHSTAN

Entrato in vigore il nuovo regolamento tecnico TR TS 032/2012.
Questo avrà un impatto significativo sulle procedure di certificazione di tutti i serbatoi a pressione, valvole industriali sopra DN25 (liquidi pericolosi) DN32 (liquidi non pericolosi), tubi, valvole di sicurezza etc.
Nella nostra pagina dei DOWNLOAD, trovate il regolamento tecnico completo.
Gennaio 2014 RUSSIA, BIELORUSSIA, KAZAKHSTAN
E' stato chiuso il dipartimento dell' RTN alla fine del 2013. Adesso sarà necessario ottenere solo più una Expert Conclusion sulla sicurezza industriale timbrata e firmata da un esperto accreditato.

Aprile 2013 BIELORUSSIA

In Bielorussia, la procedura di Gospromnadzor (Pubblico controllo di industrie) è ancora valida e ciò può creare dei duplicati di procedura per le apparecchiature che richiedono una nuova certificazione TR TS (Unione doganale) e Gospromnadzor. Le autorità della Repubblica di Bielorussia hanno deciso di rinviare l'applicazione del TR TS per le apparecchiature che richiedono certificazione Gospromnadzor fino alla fine del 2013.
Febbraio 2013 RUSSIA, BIELORUSSIA, KAZAKHSTAN
Entrate in vigore le norme tecniche dell'Unione doganale per le attrezzature e macchine industriali 010/2011, bassa tensione 04/2011 e compatibilità elettrica 020/2011.
Con la nuova TR TS (norme tecniche dell'Unione doganale) non c'è più bisogno di ottenere la certificazione RTN, bisognerà solo presentare una Expert Conclusion sulla sicurezza industriale registrata presso il Rostechnadzor.

OTTOBRE 2012 ITALIA

La East Certification & Service e Certiquality hanno firmato un accordo per fornire ai tutti i loro clienti i nostri servizi di certificazione.
Questo passo molto importante nella nostra storia aziendale è stato ottenuto grazie alla grande sinergia tra noi e Certiquality e servirà a rendere sempre migliori i servizi per i nostri clienti.
Insieme noi manderemo una newsletter a tutti i clienti vecchi e nuovi riguardo ai cambiamenti del mondo certificativo previsti nel 2013, con particolare attenzione al nuovo Certificato sotto regolamento dell'Unione Doganale.

FEBBRAIO 2012 RUSSIA, BIELORUSSIA, KAZAKHSTAN

L'unione doganale tra i paesi Russia, Bielorussia e Kazakhstan, già siglata nel 2010 diviene finalmente operativa anche per quanto riguarda le certificazioni.
Da Febbraio del 2012 entra in vigore il primo regolamento tecnico e quindi la validità dei NUOVI certificati GOST e IGIENICO-SANITARI viene estesa ai tre paesi dell'unione EurAsEC.
Altri regolamenti tecnici entreranno in vigore entro il 2014 coprendo così tutto l'elenco delle merci sottoposte a questo trattato. Il codice di identificazione interno russo OKP viene eliminato ed il prodotto definito quindi dal solo codice doganale.
Cambia anche il marchio da apporre sui prodotti.
Per ulteriori informazioni visitare le pagine CERTIFICATI e PROCEDURE dal menù principale.

GENNAIO 2012 UKRAINE

Viene esteso a più prodotti l'utilizzo della Dichiarazione di Conformità, attualmente per poter passare la dogana è necessario munirsi di detto certificato anche se i certificati precedenti sono ancora in corso di validità.
Per alcuni prodotti è necessario ottenere sia il certificato UKR-SEPRO che la Dichiarazione di Conformità.

SETTEMBRE 2011 RUSSIA

A seguito delle variazioni normative riguardanti le certificazioni Gost R (Russia) e operative dal 25/09/2010 Vi comunichiamo quanto segue:

Le tipologie di certificazione di conformità attualmente possibili in Russia diventano 2.

• certificazione di conformità Gost R
• dichiarazione di conformità

A loro volta le certificazioni Gost R si suddividono in 3 categorie:

• Certificazione Gost R (così come già da noi conosciuta)
• Certificazione Gost R secondo nuovo regolamento tecnico (nuovo format) con validità quinquennale
• Certificazione Gost R volontaria (o lettera di esenzione)

CONSEGUENZE:

La certificazione per "partita" o contratto (batch) di tutti i prodotti ricadenti sotto le procedure Gost R secondo regolamento tecnico saranno soggette a visita ispettiva obbligatoria (così come lo era per le certificazioni triennali). Ovviamente tutti i nuovi certificati per partita che dovranno essere emessi per apparecchiature di questo tipo avranno degli aumenti di costo rispetto alle quotazioni fatte precedentemente.
Per i certificati emessi prima di tale data le cui spedizioni non sono ancora avvenute sarà necessario dichiarare, sul passaporto, sul certificato di conformità così come su ogni targhetta o documento identificativo del bene, che lo stesso è stato prodotto in data antecedente al 15/09/2010.
Tutti i certificati seriali attualmente in corso di validità per prodotti che rientrano nelle procedure Gost R secondo regolamento tecnico continuano ad essere validi fino alla loro naturale scadenza in quanto la norma non è retroattiva.
La dichiarazione di conformità per tutti i prodotti per i quali è prevista deve essere registrata dal centro di certificazione presso le autorità competenti e poi può essere utilizzata come un normale certificato Gost per lo sdoganamento (copie autentiche utilizzate così come da procedure Gost già conosciute).
Come linea guida generale si può affermare che tutti i prodotti certificati con procedura volontaria non ricadranno in una procedura diversa anche secondo il nuovo regolamento tecnico.
Vi preghiamo di contattarci al più presto nel caso abbiate dei dubbi o richieste per regolarizzare la situazione certificativa.

MAGGIO 2011 RUSSIA

Si sono fatte più severe le procedure per l'ottenimento dell'RTN (Rostechnadzor) a seguito di un incidente in miniera.
Adesso è obbligatorio scrivere ed approvare la metodica di test ed effettuare i test presso il sito produttivo, (a volte evitabile), approvare la Expert Conclusion e quindi applicare all'RTN per il permesso all'Utilizzo.
Come risultato di ciò la procedura si protrarrà per 5-6 mesi dovendo inoltre tenere conto del tempo di attesa per poter effettuare i test on-site.
Prego di notare che gli ispettori dell'RTN non sono autorizzati ad operare al di fuori della Federazione Russa e che quindi qualsiasi visita ispettiva presso il produttore si deve considerare inutile.
Il rinnovo di un RTN seriale, se i prodotti non hanno subito sostanziali cambiamenti, è possibile senza ricorrere ai test.

FEBRAIO 2011 RUSSIA

Le regole per l'ottenimento dei certificati igienici sono cambiate.
Adesso i prodotti sono divisi in tre categorie in accordo ai loro codici doganali ed alla descrizione

- GOSREGISTRAZIA (Registrazione Statale)
- DECLARAZIA SOOTVIESTVUI (Dichiarazione di Conformità)
- Lettera di Esenzione

I vecchi certificati sono rimasti validi fino alla fine del 2011

GENNAIO 2011 RUSSIA

Notiamo con allarme che molte aziende, anche in Italia, offrono servizi di certificazione GOST R a prezzi inferiori ai costi di registrazione dei certificati stessi in Russia, senza visita ispettiva e senza raccogliere la necessaria documentazione.
Risulta peraltro EVIDENTE che questi certificati sono falsi o comunque non registrati presso il GOSTANDARD.
Avvisiamo le aziende italiane di contattare primarie agenzie con evidente esperienza sul mercato e di comparare costi e procedure di certificazione per evitare di incappare in truffe ben organizzate.
Ricordiamo che le visite ispettive sono obbligatorie (siamo gli unici in Italia a gestire degli ispettori Russi sempre sul territorio), che la documentazione deve corrispondere a quella che dovrebbe essere preparata per una certificazione di prodotto "credibile" e che è sempre meglio chiedere copia delle accreditazioni presso gli organi del Gostandard delle aziende con cui volete lavorare.
Ormai la concorrenza sul mercato è elevata e prezzi che si discostino di più di 500 euro dalla media sono sintomo sicuro di qualche non conformità

NOVEMBRE 2010 UCRAINA

La procedura della dichiarazione di conformità, già annunciata a inizio anno, sta sempre più prendendo piede e quindi per molti prodotti come caldaie fino a 400 kW e bruciatori in dogana sarà richiesta la dichiarazione di conformità al posto del cert. di conformità Ukr-Sepro.
Purtroppo la normativa non ha coperto altri ambiti e quindi il certificato di conformità, pur assurdamente, viene richiesto dagli altri organi interni di controllo (installazione, sicurezza etc.). Ciò comporta che il cliente debba pagare due procedure in fondo gemelle. Speriamo che queste distorsioni vengano corrette al più presto, ma questa è la situazione attuale. La dichiarazione di conformità anziché' semplificare la procedura certificativa, la rende più onerosa a livello documentale e richiede una visita ispettiva. Per gli apparecchi sottoposti a permesso all'utilizzo rimane sempre valida l'acquisizione del File Tecnico.

SETTEMBRE 2010 RUSSIA

Vi sono stati recentemente dei cambiamenti nei regolamenti della Federazione Russa per quanto riguarda le lettere di esenzione per l'importazione dei prodotti non sottoposti a certificazione GOST R obbligatoria o in possesso di una certificazione Gost R volontaria.
Molte dogane ormai non accettano più le lettere di esenzione emesse dall'ente VNIIS.
La nuova procedura per l'ottenimento delle lettere di esenzione prevede che vengano forniti i seguenti documenti:

- descrizione in russo dell'oggetto
- lettera di richiesta in lingua russa su carta intestata, timbrata e firmata in originale dal cliente finale russo;
- copia del contratto con il cliente finale russo
- copia della fattura (o estremi della fattura) allegata alla spedizione (quella che verrà presentata in dogana).

Risulta quindi evidente che tale procedura non può più essere espletata dai sub-fornitori; in primis in quanto risulterebbe loro impossibile ottenere la lettera di richiesta sopra indicata ed inoltre non risulterebbe possibile emettere tale lettera di esenzione prima della spedizione della merce (dati fattura).

Procederemo e consiglieremo quindi ai nostri Clienti di dotarsi di certificato volontario GOST R (non valido ai fini dello sdoganamento) allo scopo di soddisfare gli impegni contrattuali con il loro cliente e per l'ottenimento del successivo permesso all'utilizzo RTN qualora necessario.

SETTEMBRE 2010 RUSSIA

a seguito delle variazioni normative riguardanti le certificazioni Gost R (Russia) e operative dal 25/09/2010 Vi comunichiamo quanto segue:

Le tipologie di certificazione di conformità attualmente possibili in Russia diventano 2.

1) certificazione di conformità Gost R
2) dichiarazione di conformità

A loro volta le certificazioni Gost R si suddividono in 3 categorie:

1) Certificazione Gost R (così come già da noi conosciuta)
2) Certificazione Gost R secondo nuovo regolamento tecnico (nuovo format) con validità quinquennale
3) Certificazione Gost R volontaria (o lettera di esenzione)

CONSEGUENZE:

La certificazione per "partita" o contratto (batch) di tutti i prodotti ricadenti sotto le procedure Gost R secondo regolamento tecnico saranno soggette a visita ispettiva obbligatoria (così come lo era per le certificazioni triennali). Ovviamente tutti i nuovi certificati per partita che dovranno essere emessi per apparecchiature di questo tipo avranno degli aumenti di costo rispetto alle quotazioni fatte precedentemente.
Per i certificati emessi prima di tale data le cui spedizioni non sono ancora avvenute sarà necessario dichiarare, sul passaporto, sul certificato di conformità così come su ogni targhetta o documento identificativo del bene, che lo stesso è stato prodotto in data antecedente al 15/09/2010.
Tutti i certificati seriali attualmente in corso di validità per prodotti che rientrano nelle procedure Gost R secondo regolamento tecnico continuano ad essere validi fino alla loro naturale scadenza in quanto la norma non è retroattiva.
La dichiarazione di conformità per tutti i prodotti per i quali è prevista deve essere registrata dal centro di certificazione presso le autorità competenti e poi può essere utilizzata come un normale certificato Gost per lo sdoganamento (copie autentiche utilizzate così come da procedure Gost già conosciute).
Come linea guida generale si può affermare che tutti i prodotti certificati con procedura volontaria non ricadranno in una procedura diversa anche secondo il nuovo regolamento tecnico.
Vi preghiamo di contattarci al più presto nel caso abbiate dei dubbi o richieste per regolarizzare la situazione certificativa.

LUGLIO 2010 RUSSIA

cambiano le procedure per l'ottenimento dei certificati igienici; ora i certificati si dividono in due categorie a seconda del prodotto. La prima sotto registrazione statale e la seconda con una lettera di conformità. Rimane sempre possibile ottenere una lettera di esenzione per i prodotti che non richiedono i certificati sopra citati.

MAGGIO 2010 - RUSSIA

Cambia la procedura per l'Ottenimento dell' RTN. Ora è necessario preparare una metodica di test in lingua russa che deve essere approvato dall'RTN prima di consegnare la pratica finale allungando le tempistiche di circa 6 settimane. Inoltre viene resa obbligatoria la visita ispettiva IN LOCO dopo l'installazione dei prodotti (per partita) o almeno delle prime forniture (seriale); visita ispettiva che deve essere effettuata da un ispettore dell'RTN.

GIUGNO 2009 - RUSSIA

Circola un'informazione errata riguardo all'ottenimento delle copie conformi che sarebbero accettate SOLO se autenticate da un notaio Italiano con Apostille.

In realtà questo sistema si aggiunge a quelli già conosciuti come l'autentica di un notaio russo o le copie autentiche emesse dal centro di certificazione stesso che rimangono assolutamente valide.

MAGGIO 2009 - RUSSIA

viene cambiata la legge riguardo al certificato antincendio e i codici doganali e i prodotti sottoposti a tale certificazione.
Molti prodotti ora devono avere, per passare la dogana Russa, un certificato Fire Safety anche se non utilizzati in tale ambito.
Per ovviare a tale costosa ed inutile certificazione la dogana richiede una lettera di esenzione che però non viene accettata se emessa dall'ente preposto dei vigili del fuoco, ma deve essere emessa dall'MCS (Ministerstva Cirisluciaina Situazia o Protezione Civile) il quale però attualmente NON le emette.
Siamo quindi davanti ad una impasse burocratica. Vi terremo informati sugli sviluppi

OTTOBRE 2008 - UCRAINA

è stato ristrutturato il sistema che in base al codice doganale divideva le procedure di certificazione in volontarie o obbligatorie, ora per molti prodotti come le valvole a sfera o le pompe, è necessaria una procedura obbligatoria che porta la validità dei certificati da 3 a 2 anni e comporta una preparazione della documentazione più dettagliata con l'obbligo di un libretto di uso e manutenzione in lingua russa e/o passaporto. Ovviamente diviene anche obbligatoria la visita ispettiva, così come per tutte le procedure obbligatorie.

MAGGIO 2008 - RUSSIA

Ecco le informazioni relative ai cambiamenti DEFINITIVI riguardanti il permesso all'utilizzo Rostechnadzore avvenute negli ultimi 2 mesi.
Molti dei macchinari che prima si dividevano tra vari dipartimenti dell'RTN ora sono controllati dal dipartimento per la METALLURGIA e con questo si intendono, PRESSE, LAMINATOI, LINEE DI RAFFREDDAMENTO etc. Mentre restano in carico al dipartimento per il GAS i forni ed i bruciatori e le GRU al dipartimento relativo agli elementi di sollevamento.
Per quanto riguarda la documentazione per tutto ciò sotto dipartimento metallurgico dovrà essere preparata in RUSSO e dovrà comprendere:
- Manuale di uso e manutenzione
- Passaporto
- Istruzioni tecniche per il test finale (come controllare l'apparecchiatura o linea in oggetto)

MAGGIO 2008 - RUSSIA

Tutti gli RTN per produzione di serie verranno rilasciati per 5 anni anziché' 3 con un proporzionale aumento di costo quale che sia il dipartimento interessato.

SETTEMBRE 2007 - RUSSIA

Siamo venuti ora a conoscenza, ma la data effettiva potrebbe essere antecedente, che viene eliminato il certificato GOSTROY, utilizzato per i materiali da costruzione, verrà utilizzato solo il certificato GOST R standard contenente alcune norme specifiche.

AGOSTO 2007 - RUSSIA

Le procedure relative ai certificati igienici cambiano nuovamente; ora non sono più tutti i prodotti a necessitarla ma solo quelli presenti su una lista che attualmente non è ancora in nostro possesso. Potremo comunque controllare se i vs. prodotti rientrano in tale lista su richiesta specifica in attesa di essere aggiornati in modo più esaustivo. Potrà essere emessa una lettera di esenzione ufficiale su richiesta, purtroppo con un costo consistente.

LUGLIO 2007 - UCRAINA

L'applicazione delle, comunque già in vigore, norme Ucraine si è fatta più fiscale e quindi da questo momento sarà impossibile ottenere le certificazioni per questo paese evitando la visita ispettiva per i prodotti sottoposti a procedura di certificazione cosiddetta obbligatoria. Cercheremo, come in passato, di raggruppare le aziende che necessitano di tali certificazioni in modo da suddividere le spese.

LUGLIO 2007 - UCRAINA

Le notizie appena giunte parlano dell'eliminazione del certificato DOSVIL per le imprese; sarà sostituito da una approvazione tecnica (protocollo con costi pari a quelli del vecchio Dosvil), non appena avremo dei dati più precisi ve li forniremo.
Da questo momento inoltre è necessario un passaporto tecnico in russo per QUALSIASI prodotto certificato secondo il sistema UKR-SEPRO

DICEMBRE 2006 - RUSSIA

Il Rostechnadzore ha cambiato sede bloccando di fatto l'emissione dei certificati nel periodo ottobre-novembre 2006.
E' stata presa inoltre una decisione molto importante di non rilasciare più nessuna certificazione per partita con validità "per tutta la vita dell'apparecchio" ma verranno rilasciati per 3 anni di validità standard. Questo implica che dopo il commissioning il cliente finale Russo dovrà RI certificare i prodotti (o le linee di produzione). Vi sono stati ritardi di anche 3 mesi per l'emissione di questi certificati in attesa della decisione interna.

SETTEMBRE 2006 - UCRAINA

cambiano le regole per l'ottenimento del DOSVIL (gas) ucraino e gran parte della struttura. Non si hanno ancora info precise ma si prevedono forti ritardi nell'emissione dei certificati fino a nuova informazione.

DICEMBRE 2005 - RUSSIA

Continua l'odissea per la cert. RTN (Rostechnadzore); il giorno 06/12 è stato rimosso dall'incarico il capo del RTN (ex GGTN) Maliscev ed è stato nominato al suo posto Pulitkovski. Questo è stato definito dal centro di certificazione come una "tragedia". Dopo un anno di instabilità in questo servizio e un aumento significativo dei costi, nuovamente siamo di fronte a cambiamenti difficilmente prevedibili. Vi terremo infornati.

OTTOBRE 2005 - UCRAINA

Vengono rese più severe le procedure per l'ottenimento del DOSVIL (gas e recipienti sotto pressione). I tempi si allungano fino a 2-3 mesi. Ora per ottenere questo certificato necessario fornire il PASSAPORTO del prodotto da certificare in lingua Russa. Il Passaporto è l'equivalente del libretto di uso e istruzione più l'aggiunta delle frasi dei riferimenti alle leggi e di quant'altro previsto dalla normativa Ucraina. Risulta impossibile per il produttore farlo in proprio. Si consiglia di preparare questo documento con l'aiuto del proprio importatore e del centro di certificazione tramite il nostro appoggio.

LUGLIO 2005 - KAZASTAN

Diventa operativo l'ente del Gost per il Kazastan (o Kazakhstan), fino ad ora venivano recepiti i certificati GOST R. Bisognerà di conseguenza munirsi di detti certificati per poter importare le merci in questo paese. Noi ci siamo attrezzati per fornire anche questo servizio e abbiamo aperto una pagina dedicata.

GIUGNO 2005 - UCRAINA

Dopo una ristrutturazione dei centri di certificazione le norme si sono rese più severe.
Per effettuare la certificazione UKRSEPRO (GOST) ora si devono considerare due possibili procedure (questo avveniva anche in passato, ma per una parte molto più esigua di prodotti):
CERTIFICAZIONE VOLONTARIA - si può semplificare la procedura di certificazione. Il certificato avrà validità di 3 anni
CERTIFICAZIONE OBBLIGATORIA - la visita ispettiva è inevitabile ed il certificato avrà validità solo per 2 anni.

GIUGNO 2005 - RUSSIA

A seguito della ristrutturazione degli organi statali di certificazione in organi federali anche il certificato igienico viene ora emesso da altro ente federale unico ed ha cambiato modello come potete vedere nella pagina dei certificati.
I costi anche qui sono aumentati così come i tempi per l'ottenimento.
I vecchi certificati saranno validi fino a loro scadenza.

MAGGIO 2005 - RUSSIA

Ora per le certificazioni GOST delle caldaie serve un certificato separato per i prodotti sotto i 100 KW e sopra i 100 KW

GENNAIO 2005 - RUSSIA

La ristrutturazione del ROSTECHNADZORE ha portato le tempistiche per l'ottenimento dei certificati GGTN a oltre 3 mesi e quindi bisognerà iniziare le procedure di certificazione con largo anticipo.

GENNAIO 2005 - KAZAKHSTAN

Nascono gli organi di certificazione KAZACHI.
Fino ad oggi si riconoscevano i certificati russi che saranno sostituti dal GOS K, dal CIESNIKOV etc.. - Qui alcune informazioni.

OTTOBRE 2004 - RUSSIA

Importanti variazioni nelle procedure per l'ottenimento del certificato GGTN.
Il GOSGORTECHNADZORE, ente che emette il certificato GGTN è stato ristrutturato e si chiama ora ROSTECHNADZORE. (passaggio da ente statale a ente federale)
Da questo momento i test di prodotto effettuati dal GOST, normalmente presso i laboratori del produttore, non vengono più riconosciuti e devono essere effettuati presso un laboratorio accreditato in Russia e quindi, a oggi, in Russia.
Anche se ad oggi si riesce spesso ad evitare di inviare i campioni di prodotto, detti laboratori devono certificare i test report con aggiunte di costo che portano al raddoppio di fatto dei costi di certificazione per il GGTN.
Il certificato di Igiene viene ora richiesto in modo obbligatorio per lo sdoganamento per la stragrande maggioranza dei prodotti.